* HIDDEN_ACCESSIBILITY_TITLE *

Intel Core

Soddisfare le aspettative di una forza lavoro sempre più mobile

Si prevede che la forza lavoro mobile globale salirà da 1,45 miliardi a 1,87 entro il 2022, grazie alla sempre più diffusa abitudine all’home e al mobile working. La ricerca dimostra una una correlazione diretta in Europa tra lavoro flessibile, felicità e impegno dei lavoratori, evidenziando che i vantaggi di questo approccio funzionano in entrambi i sensi.

Ambiente lavorativo basato sulla collaborazione

Grazie a questa nuova tendenza, anche gli ambienti di lavoro saranno rivoluzionati e si passerà a postazioni centralizzate di lavoro, con una maggiore attenzione a sale riunioni (dal 20-25 % di oggi al 50 %) e spazi di lavoro collaborativi con capacità di hot-desking, piuttosto che a postazioni individuali già allocate . Una percentuale significativa di persone desidera attualmente abbandonare le scrivanie (il 39 %) e trovare i posti per ricaricarsi (il 40 %), cosa che il lavoro flessibile naturalmente consente.

Ridurre al minimo gli ostacoli per chi lavora da remoto

I team IT devono integrare soluzioni più flessibili all'interno dell'ufficio stesso, come ad esempio le docking station che coprono l'intera gamma di dispositivi, ma il compito più importante è la realizzazione di un'infrastruttura per i lavoratori da remoto, che offra l'accesso più sicuro possibile alle reti centrali pur mantenendo una semplicità di comunicazione e alti livelli di produttività indipendentemente dalla posizione. Le robuste infrastrutture di virtual desktop (VDI) sono un esempio fondamentale, così come la possibilità di utilizzare i dispositivi che i dipendenti delle diverse divisioni considerano più comodi.

AI & Tech sul posto di lavoro del futuro

I telefoni e i fax per ufficio sono sempre più spesso considerati inefficienti dalle giovani generazioni, abituati a strumenti come la messaggistica istantanea, le videochiamate e le applicazioni, così come a utilizzare continuamente i dispositivi connessi e applicazioni mobile. È inoltre probabile che il futuro vedrà l'Intelligenza Artificiale (AI) migliorare l'esperienza dei dipendenti, generando nuove conoscenze su preferenze e comportamenti degli stessi. Ad esempio, estraendo i dati sulle interazioni passate, l'AI potrebbe indurre i dipendenti a inserire in calendario riunioni con partner o colleghi con cui regolarmente sono in contatto, o incoraggiare incontri regolari con i contatti con cui siamo meno collegati. L'AI potrebbe anche essere la chiave per gestire in futuro i carichi di lavoro e la mentalità costantemente "on" dei dipendenti umani, a partire dalla possibilità di avere assistenti virtuali. entro i prossimi cinque anni. In questo caso, infatti, l'introduzione dell'AI e dell'automazione è considerata positivamente a causa di vantaggi come la diminuzione degli straordinari e dello stress. VR e AR potrebbero anche diventare dispositivi di compensazione essenziali in un'epoca di diminuzione della comunicazione faccia a faccia.

Man mano che la tecnologia continua a crescere nel suo ruolo di catalizzatore vitale del lavoro, i limiti su dove, come e anche quando le persone cominceranno a lavorare scompariranno. Le abitudini più rigide del lavoro messe in atto dalle generazioni precedenti, saranno modificate dai lavoratori che cercano i modi più convenienti, produttivi e confortevoli di lavorare, in un momento in cui la tecnologia per sostenere tali cambiamenti sta diventando una realtà.

Per maggiori informazioni sulla forza lavoro flessibile di oggi, leggi il nostro eBook: Capire la forza lavoro flessibile di oggi

Twitter LinkedIn Email Print

Maggiori informazioni su notebook, 2-in-1 e soluzioni di Toshiba con i processori Intel® Core™

Torna alla home page Toshibytes ►

Intel, il Logo Intel, Intel Inside, Intel Core e Core Inside sono marchi registrati di Intel Corporation negli Stati Uniti e/o in altri Paesi.