* HIDDEN_ACCESSIBILITY_TITLE *

Intel Core

Lavoro flessibile: la esigenze della nuova forza lavoro

I millennial e la generazione Z, ovvero i giovani nati tra metà degli anni Novanta e inizio anni Duemila, costituiranno presto la maggior parte della forza lavoro; per questo le aziende devono reagire adattandosi alle loro esigenze e ai loro comportamenti. Secondo la Millennial Survey 2017 di Deloitte, il lavoro flessibile è una di queste esigenze, considerata come fattore decisivo per migliorare produttività e dedizione del personale, nonché la salute e la soddisfazione. Analogamente, anche la generazione Z si aspetta che i loro futuri datori di lavoro offrano opzioni di flessibilità sul lavoro e che diano più importanza a elevati standard di tecnologia sul posto di lavoro, fatto che non sorprende affatto dato che sono nati nell’era digitale.

Flessibilità grazie alla tecnologia
Per le aziende è importante adottare prassi e soluzioni che soddisfino tali esigenze, al fine di attirare e mantenere i migliori talenti. Così, piuttosto che esigere un ambiente divertente o creativo, indicato come fattore più importante per i cosiddetti baby boomer dalla Harvard Business Review è più probabile che i giovani impiegati desiderino strumenti tecnologici mobili, produttivi e collaborativi, che consentano di lavorare liberamente ovunque si trovino.

Al contempo, le minacce alla sicurezza evolvono costantemente, poiché i criminali del Web vedono un enorme potenziale in questa forza lavoro sempre più mobile. Le aziende devono quindi garantire la massima sicurezza dei prodotti da loro offerti per il lavoro flessibile, dai dispositivi integrati nell’azienda e dalle applicazioni correlate, ai servizi sul cloud per l’archiviazione e la gestione dei dati.

Flessibilità all’interno e all’esterno dell’azienda
Il concetto di lavoro flessibile sta iniziando a coinvolgere anche il design degli uffici stessi, che si sta adattando alle nuove aspettative dei lavoratori in sede. L’hot desking e gli spazi condivisi, ad esempio, stanno diventando sempre più popolari, poiché incoraggiano la socializzazione, la collaborazione e la coesione tra tutti i dipendenti. Anche l’orario di lavoro viene messo in discussione, discostandosi spesso dal tradizionale modello 9-18, ormai considerato obsoleto e poco produttivo.

Il concetto di lavoro flessibile è in continua evoluzione, guidato dalle mutevoli esigenze dei dipendenti e dalle capacità tecnologiche. Di conseguenza, vengono testati e messi in atto numerosi modelli, caratterizzati dalla crescente consapevolezza che trattare i dipendenti come individui con esigenze lavorative diverse sia la cosa migliore da fare. Un recente studio di Deloitte dimostra infatti che la flessibilità non solo fidelizza i dipendenti millennial, ma contribuisce anche a migliorarne il rendimento.

Per ulteriori informazioni sull’attuale impatto del lavoro flessibile sulle aziende e sui loro dipendenti, leggete il nostro eBook: Capire la forza lavoro flessibile di oggi

Twitter LinkedIn Email Print

Maggiori informazioni su notebook, 2-in-1 e soluzioni di Toshiba con i processori Intel® Core™

Torna alla home page Toshibytes ►

Intel, il Logo Intel, Intel Inside, Intel Core e Core Inside sono marchi registrati di Intel Corporation negli Stati Uniti e/o in altri Paesi.